Slide MOSTRE INTERATTIVE

L’accesso alle mostre è gratuito e senza obbligo di prenotazione anticipata


Controllo Green Pass all’accesso

MUSEO INTERATTIVO ARCADE

Le sale giochi degli anni Ottanta riprendono vita nella cornice del Centro Commerciale Twenty: ben diciotto arcade originali liberamente fruibili, senza alcun gettone, in modalità free to play. I grandi classici nelle loro incarnazioni originali, i coin op che hanno fatto la storia da ammirare e giocare, in esclusiva per il pubblico di Game Ground!

LOCATION: Twenty


Dal 14 al 24 ottobre
Tutti i giorni orario 10.00-20.00

MUSEO INTERATTIVO ARCADE

Le sale giochi degli anni Ottanta riprendono vita nella cornice del Centro Commerciale Twenty: ben diciotto arcade originali liberamente fruibili, senza alcun gettone, in modalità free to play. I grandi classici nelle loro incarnazioni originali, i coin op che hanno fatto la storia da ammirare e giocare, in esclusiva per il pubblico di Game Ground!

LOCATION: Twenty


Dal 14 al 24 ottobre
Tutti i giorni orario 10.00-20.00

VIDEOGIOCO: ALLA RICERCA DELL’AUTORE

Medium relativamente giovane, il videogioco si è reso interprete in tempi brevi di un processo di maturazione radicale: poco meno di mezzo secolo per evolvere dai pochi pixel dei primi coin op agli incredibili mondi virtuali palpitanti di vita dei vari Red Dead Redemption, The Last of Us, Life is Strange, che nelle loro ultime incarnazioni hanno attinto a vertici di complessità narrativa impensabili sino a poco tempo addietro.

Ciò che nel giro di alcuni decenni si è modificato è anche il ruolo dell’autore, in origine un tecnico informatico che spesso faceva della multidisciplinarietà la propria prerogativa e che ha presto iniziato ad assumere ben altre funzioni, mano a mano che la tecnologia si sviluppava e gli consentiva di guadagnare nuovi margini di espressione. I giochi dei primi anni Ottanta già recavano nel loro gameplay una traccia riconoscibile dell’autore: ne sono testimonianza personaggi del calibro di Donkey Kong e Pac-Man, che hanno varcato la barriera dello schermo per eccedere il mondo videoludico ed entrare a pieno diritto nell’immaginario condiviso.

La selezione esplora il concetto di autorialità muovendosi in diverse direzioni: le icone della pop culture da Super Mario a Lara Croft, i game designer visionari come Jeff Minter, ma anche le raffigurazioni esteticamente peculiari dei cyberspazi e i videogiochi narrativi, dalle avventure grafiche Lucas Arts a Shenmue di Yu Suzuki.

LOCATION: Museion


Dal 14 al 24 ottobre
Tutti i giorni orario 10.00-18.00
Giovedì 14 e 21 fino alle 22.00
Chiuso lunedì 18

VIDEOGIOCARE GREEN

Negli ultimi anni le tematiche relative alla green economy e al rispetto dell’ambiente sono entrate in modo significativo nella game industry, sia a livello di filiera produttiva – le maggiori aziende hanno condiviso protocolli e standard a basso impatto ambientale – sia per quanto concerne i contenuti dei videogiochi stessi, che hanno iniziato a occuparsi di ecosostenibilità, talvolta con un obiettivo esplicitamente didattico. Vi sono giochi nati per promuovere la coscienza ecologica, mettendo in opera modelli di gameplay capaci di indurre nel giocatore un ripensamento del rapporto tra la natura e il mondo antropico.

La mostra interattiva esplora gli antecedenti storici di tale filone nell’ambito del videogioco commerciale: titoli in cui si sottolinea il valore intrinseco dell’ambiente tramite i modi dell’interattività, sia pure senza mettere in campo un’esplicita vocazione didattica. Da Super Mario Sunshine – dove l’eroe deve ripulire dal fango l’Isola Delfina – a Flower, opera multimediale in cui il giocatore controlla il vento che muove un petalo di fiore.

LOCATION: Museion


Dal 14 al 24 ottobre
Tutti i giorni orario 10.00-18.00
Giovedì 14 e 21 fino alle 22.00
Chiuso lunedì 18

VIDEOGIOCARE GREEN

Negli ultimi anni le tematiche relative alla green economy e al rispetto dell’ambiente sono entrate in modo significativo nella game industry, sia a livello di filiera produttiva – le maggiori aziende hanno condiviso protocolli e standard a basso impatto ambientale – sia per quanto concerne i contenuti dei videogiochi stessi, che hanno iniziato a occuparsi di ecosostenibilità, talvolta con un obiettivo esplicitamente didattico. Vi sono giochi nati per promuovere la coscienza ecologica, mettendo in opera modelli di gameplay capaci di indurre nel giocatore un ripensamento del rapporto tra la natura e il mondo antropico.

La mostra interattiva esplora gli antecedenti storici di tale filone nell’ambito del videogioco commerciale: titoli in cui si sottolinea il valore intrinseco dell’ambiente tramite i modi dell’interattività, sia pure senza mettere in campo un’esplicita vocazione didattica. Da Super Mario Sunshine – dove l’eroe deve ripulire dal fango l’Isola Delfina – a Flower, opera multimediale in cui il giocatore controlla il vento che muove un petalo di fiore.

LOCATION: Museion


Dal 14 al 24 ottobre
Tutti i giorni orario 10.00-18.00
Giovedì 14 e 21 fino alle 22.00
Chiuso lunedì 18

IL FANTASY NEL VIDEOGIOCO

In un sistema di contaminazioni e rimandi che lo inserisce nel vivo della cultura pop, il videogioco tende a derivare contenuti, stilemi e forme di immaginario dai prodotti mediali che lo hanno preceduto: nella misura in cui i pionieri del game design non potevano attingere da una tradizione videoludica anteriore (perché di fatto il videogioco in quanto medium ancora non aveva una storia), essi guardarono al cinema, alla letteratura e ai giochi analogici, adattandone forma e sostanza alle nuove modalità della fruizione interattiva.

Se a livello di temi e contenuti la cinematografia sci-fi fu il primo ovvio riferimento, ben presto l’immaginario videoludico si popolò di draghi, cavalieri e stregoni: non solo giochi di ruolo, ma anche platform, shoot’em up, beat’em up, action adventure, lasergame, avventure grafiche, strategici in tempo reale attinsero a piene mani dal fantasy letterario e cinematografico, a partire dai primi anni Ottanta. Sebbene la fantascienza abbia determinato fortemente l’immagine del videogioco nella percezione comune – si pensi agli alieni di Space Invaders – il fantasy innerva il medium in modo ancor più pervasivo, da occidente a oriente, coniugandosi di volta in volta alla tradizione folklorica locale.

La mostra interattiva mette in luce una simile trasversalità del fantasy videoludico, esplorando i generi che ne hanno determinato la grande fortuna e celebrando saghe storiche come Final Fantasy, Warcraft, Darkstalkers, Castlevania, The Legend of Zelda.

LOCATION: DRIN


Dal 14 al 24 ottobre
da lunedì a venerdì orario 13.00-19.00
sabato e domenica orario 10.00-18.00

MICROCOSMI E MACROCOSMI

LA VITA DEGLI INSETTI, I CONGEGNI UMANI, L’ESPLORAZIONE DELL’UNIVERSO

Spaziando dalla raffigurazione degli ecosistemi più minuti a quella dei corpi siderali, il videogioco ha spesso assunto il compito di acuire i nostri sensi o stimolare la nostra fantasia, per consentirci azioni e percezioni all’infuori delle nostre capacità di natura.

L’atto di giocare sveste il giocatore dei suoi panni e ne altera il punto di vista: a volte il videogioco è una lente d’ingrandimento, in altri casi un cannocchiale galileiano che ci permette di vedere stelle e pianeti nella loro verità, oppure di nuovo uno specchio deformante che trasfigura cose piccole e grandi, aprendo nuovi contesti di esperienza e talora illuminando l’orizzonte ordinario di una nuova luce.

Che sia mero intrattenimento o motore di riflessione – ad esempio nel sotterraneo ecologismo post-apocalittico di Pikmin o nella cosmologia di No Man’s Sky – il videogioco mantiene la straordinaria abilità di estendere o restringere, alterare o focalizzare.

Quindici titoli giocabili che aguzzano il nostro sguardo e ci mostrano la vita segreta dei corpi fisici più esili – di specie naturali e congegni meccanici – ma anche gli ampi movimenti del cosmo e le vicende umane futuribili o fantastiche che ci pongono al cospetto di tali movimenti.

LOCATION: Naturmuseum Südtirol – Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige


Dal 14 al 24 ottobre
Tutti i giorni orario 10.00-18.00
Chiuso lunedì 18

MICROCOSMI E MACROCOSMI

LA VITA DEGLI INSETTI, I CONGEGNI UMANI, L’ESPLORAZIONE DELL’UNIVERSO

Spaziando dalla raffigurazione degli ecosistemi più minuti a quella dei corpi siderali, il videogioco ha spesso assunto il compito di acuire i nostri sensi o stimolare la nostra fantasia, per consentirci azioni e percezioni all’infuori delle nostre capacità di natura.

L’atto di giocare sveste il giocatore dei suoi panni e ne altera il punto di vista: a volte il videogioco è una lente d’ingrandimento, in altri casi un cannocchiale galileiano che ci permette di vedere stelle e pianeti nella loro verità, oppure di nuovo uno specchio deformante che trasfigura cose piccole e grandi, aprendo nuovi contesti di esperienza e talora illuminando l’orizzonte ordinario di una nuova luce.

Che sia mero intrattenimento o motore di riflessione – ad esempio nel sotterraneo ecologismo post-apocalittico di Pikmin o nella cosmologia di No Man’s Sky – il videogioco mantiene la straordinaria abilità di estendere o restringere, alterare o focalizzare.

Quindici titoli giocabili che aguzzano il nostro sguardo e ci mostrano la vita segreta dei corpi fisici più esili – di specie naturali e congegni meccanici – ma anche gli ampi movimenti del cosmo e le vicende umane futuribili o fantastiche che ci pongono al cospetto di tali movimenti.

LOCATION: Naturmuseum Südtirol – Museo di Scienze Naturali dell’Alto Adige


Dal 14 al 24 ottobre
Tutti i giorni orario 10.00-18.00
Chiuso lunedì 18

CLASSICS

Una selezione di classici dell’home gaming, tra conversioni da arcade e giochi senza tempo per console

LOCATION: Spazio Young


Dal 14 al 24 ottobre
da lunedì a venerdì orario 13.00-19.00
sabato e domenica orario 10.00-18.00

VIDEOGIOCO NARRATIVO, LINGUE STRANIERE E CONFRONTI CULTURALI

Quattro postazioni che focalizzano il tema dell’interculturalità: due avventure grafiche in lingua inglese e due giochi sul folklore e sulla tradizione culturale del sol levante.

LOCATION: Mediateca Multilingue Merano


Dal 14 al 24 ottobre
da lunedì a giovedì orario 10.00-12:30 14.30-18.30
venerdì orario 10.00-12.30
sabato e domenica chiuso

VIDEOGIOCO NARRATIVO, LINGUE STRANIERE E CONFRONTI CULTURALI

Quattro postazioni che focalizzano il tema dell’interculturalità: due avventure grafiche in lingua inglese e due giochi sul folklore e sulla tradizione culturale del sol levante.

LOCATION: Mediateca Multilingue Merano


Dal 14 al 24 ottobre
da lunedì a giovedì orario 10.00-12:30 14.30-18.30
venerdì orario 10.00-12.30
sabato e domenica chiuso

Organizzato da:

null
null

Main Partner:

null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null
null

Sponsor:

null
null
null
null
null
null

Media Partner:

null

CONTATTI

0471 210201-240